Riproduzione Pietra del Sole Azteca

Con il restyling del sito karnhack.com ho evitato di inserire tutte le fasi di lavorazione come nel sito precedente. Approfittando di un articolo che avevo scritto sul sito mexicolore.co.uk del gentilissimo Ian Mursell ho deciso di riportare qui lo stesso contenuto. L’articolo racconta le fasi più importanti della riproduzione del la Pietra del Sole azteca.

LA FINE
10 agosto 2012. Sto colando il gesso sintetico all’interno dello stampo di gomma siliconica, che servirà poi a produrre le altre copie della pietra. Devo stare attento a non lasciare buchi, a far penetrare bene l’impasto in ogni fessura, in modo da non creare bolle o altri difetti estetici. Terminata questa operazione, aspetto che s’indurisca il gesso. Si dovrebbe lasciarla a riposare per circa sei ore ma, per essere sicuro, attendo un po’ di più. Adesso posso toglierla. È pronta. Finalmente ho tra le mani il primo pezzo della Pietra del sole.

Riproduzione pietra del sole azteca

L’INIZIO
Marzo 2011. “[…] non esiste più l’arte sacra, l’arte che incarna le leggi della Grande Conoscenza ed esercita un’influenza sulla vita delle masse.” Questa frase di G.I. Gurdjieff, mi ha guidato nella ricerca di oggetti da studiare e analizzare. Il pensiero, poi, si è naturalmente tramutato in azione e ho deciso di riprodurre manualmente uno di questi: la Pietra del Sole. La risonanza mediatica che il calendario ha avuto nell’ultimo anno, la volontà di sfatare alcuni luoghi comuni alimentati dai mezzi di comunicazione e la voglia di conoscere il manufatto in ogni suo particolare, hanno fatto ricadere la scelta proprio su questo.
Avevo calcolato di impiegare 3/4 mesi. Strada facendo, ho scoperto che le mie previsioni erano sbagliate. Il diametro del monolite originale è di 3,50 m, quello della mia riproduzione è di soli 58 cm. Questo vuol dire che alcuni dettagli sono diventati molto piccoli e di difficile riproduzione e i tempi di lavorazione si sono sensibilmente dilatati.

TONATIUH
Sono partito dal centro, per una ragione fondamentale, di carattere pratico: procedendo dall’interno verso l’esterno, non avrei danneggiato il lavoro già fatto poggiandoci sopra mani o gomiti.
Il primo soggetto riprodotto è Tonatiuh, il Quinto Sole, situato nella figura centrale dell’Ollin, il secondo cerchio. La lingua, alla quale ho dedicato speciale attenzione, è uno dei particolari mancanti nel monolite originale. Quindi, ho dovuto scegliere tra le varie interpretazioni e ipotesi che gli studiosi hanno formulato: quella che ho adottato presenta una lingua affilata come un pugnale. A quanto ne so, è l’unica riproduzione che adotta questa soluzione in modo evidente.

L’OLLIN ED I “QUATTRO SOLI”
Già nel secondo cerchio mi sono trovato a dover risolvere alcune difficoltà. Se prima avevo un unico soggetto da riprodurre, qui il numero delle figure coinvolte si moltiplica: Ocelotl-Tonatiuh (il Sole del Giaguaro), Ehecatl-Tonatiuh (il Sole del Vento), Quiahuitl-Tonatiuh (il Sole della Pioggia di Fuoco), Atl-Tonatiuh (il Sole dell’Acqua) e i due artigli di Tonatiuh, raffigurati mentre stringono due cuori umani.

Ci sono poi i simboli che probabilmente rappresentano i quattro punti cardinali: a Est è raffigurato lo Xiuhuitzolli, un ornamento funebre; a Ovest Chicoace Ozomatl (le Sette Scimmie); al Nord il Ce-tepact, una lama di ossidiana; e, infine, al Sud, Ce-Quiahuitl, la pioggia, emblema di vita ed elemento che anima tutto il creato; un raggio, prima emanazione del Sole, sopra il volto di Tonatiuh e poi, al di sotto, una decorazione, forse un ornamento pettorale della divinità.


All’interno si trovano anche i cinque punti che corrispondono ai giorni complementari. In questa fase del lavoro, ho capito che i 3 o 4 mesi che avevo preventivato all’inizio non sarebbero bastati affatto. La riduzione in scala del monolite aveva ridotto le dimensioni di alcuni particolari a tal punto che gli strumenti a mia disposizione risultavano essere troppo grandi per il tipo di dettagli che ricercavo. Ho dovuto, quindi, costruirmi da solo alcuni utensili, limando e appiattendo aghi e punte di compasso.

LE VENTI DIVINITÀ O GIORNI DEL MESE
Se nei primi due cerchi troviamo la rappresentazione della Cosmogonia Azteca, in questo inizia a vedersi la funzione vera e propria di calendario, la suddivisione ciclica del tempo. Venti giorni per ogni mese, ognuno contraddistinto da un simbolo diverso. A questo punto del lavoro cominciavo a rendermi conto che senza delle scadenze da impormi l’ultimazione del progetto era a rischio. Ho deciso allora di realizzare un simbolo al giorno. Dal Coccodrillo al Fiore. Il mio ritmo si era sovrapposto a quello del calendario.

QUARTO, QUINTO E SESTO CERCHIO
Procedendo verso l’esterno troviamo i raggi del Sole: i quattro principali, che presentano un arriccio ornamentale, e i quattro raggi mediani. Nello spazio tra un raggio principale e uno intermedio troviamo una serie di simboli che si ripetono uguali per tutta la circonferenza della pietra e che, per la loro schematicità, sembrano indicare combinazioni matematiche a catena che forniscono indicazioni sulla scansione del tempo.


Riproduzione Pietra del Sole Azteca, cerchiEssendo tali ornamenti molto minuziosi e numerosi, ho deciso ci creare uno stampo e replicare la sezione per otto volte. Il risparmio di tempo è stato notevole e il risultato non è stato influenzato da questa scelta tecnica.

I DUE XIUCOATL
In questa fase ho adottato una soluzione simile a quella descritta nel paragrafo precedente. I due serpenti di fuoco (fatta eccezione della testa e della coda) hanno il corpo formato da segmenti uguali fra loro. Ho creato lo stampo, più piccolo rispetto a quello dei cerchi precedenti, e l’ho riprodotto per 24 volte, 12 per ogni Xiucoatl. Ora mi mancavano solo da ultimare le due code e le teste. Terminata la lavorazione sulla plastilina, ho ricavato un calco generale in gomma siliconica.

Riproduzione Pietra del sole azteca